home Politica Boschi spiega il No…. servivano più bugie

Boschi spiega il No…. servivano più bugie

Boschi spiega il No: servivano più bugie

La sconfitta al referendum costituzionale è una ferita aperta per Maria Elena Boschi. Si strugge, la sottosegretaria, a pensare che gli italiani non abbiano capito “quanto la riforma avrebbe potuto cambiare la loro vita”. E a distanza di mesi dal no è ancora tempo di fare mea culpa. Anche perché l’ex ministra è convinta di aver capito l’errore del governo: servivano più bugie.

Ad esempio si poteva raccontare che la riforma Boschi avrebbe risolto l’annoso problema della disoccupazione giovanile: “Cambiare il rapporto tra Stato e Regioni poteva servire a cambiare concretamente la quotidianità di tanti giovani per le politiche attive del lavoro”, ha detto alla festa dell’Unità di Milano. “Ora dobbiamo confrontarci con tutte le Regioni, ognuna con le sue politiche, così il lavoro dell’Agenzia nazionale è molto più difficile. E questo è male. Ma è una scelta che è stata fatta. Non che non ci abbiamo provato a “spiegare la loro idea del Paese”. E infatti la sottosegretaria aggiunge: “Io credo che ci siamo impegnati a fondo a raccontare come le riforme istituzionali non fossero qualcosa di astratto, lontano dalla vita delle persone”. Certo che lo hanno fatto. Ma gli italiani non ci hanno creduto. E lei ancora non si rassegna.


https://www.youtube.com/watch?v=9uOETcuFjbE

Design

Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit.

Marketing

Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit.

Dev System

Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit.

SupportO

Click edit button to change this text. Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit.

Commenti Facebook

Rispondi

Studio Govinda

Naturopatia, Massaggi, Yoga

Visita adesso

Close