home News Lega: “Berlusconi si tiri indietro per far partire esecutivo con M5s”. FI: “Idea irricevibile. Ma no a governo neutro”

Lega: “Berlusconi si tiri indietro per far partire esecutivo con M5s”. FI: “Idea irricevibile. Ma no a governo neutro”

URL

Lega: “Berlusconi si tiri indietro per far partire esecutivo con M5s”. FI: “Idea irricevibile. Ma no a governo neutro”

<img class=”attachment-full size-full wp-post-image” title=”Foto Vincenzo Livieri – LaPresse
07-05-2018 – Roma
Politica
Vertice del centro destra a Palazzo Grazioli prima delle Consultazioni. Nella foto Giancarlo Giorgetti, Matteo Salvini

Photo Vincenzo Livieri – LaPresse 07-05-2018- Rome
Politics
Meeting of the center right coalition at Palazzo Grazioli. In the picture Giancarlo Giorgetti, Matteo Salvini” src=”https://st.ilfattoquotidiano.it/wp-content/uploads/2018/05/08/giorgetti-675.jpg” alt=”Lega: “Berlusconi si tiri indietro per far partire esecutivo con M5s”. FI: “Idea irricevibile. Ma no a governo neutro”” width=”675″ height=”275″ />

Tensione in casa del centrodestra. Il Carroccio spinge ancora per far partire un esecutivo politico con i grillini. Ma l’opzione non è nemmeno presa in considerazione da Silvio Berlusconi, che, viene riferito, è su tutte le furie per le continue pressioni di Matteo Salvini. Di Maio: “Colpa del segretario leghista se ritorno alle urne”
La Lega prova ancora la carta dell’appoggio esterno di Silvio Berlusconi a un governo politico tra Carroccio e M5s, ma Forza Italia non vuole nemmeno sentir parlare dell’ipotesi. Mentre Sergio Mattarella è al lavoro per elaborare la squadra di un esecutivo neutrale, i partiti si affannano per trovare un’alternativa al ritorno alle urne. Che per il momento sembra ancora essere l’unico e inevitabile approdo: sia i 5 stelle che la Lega hanno annunciato che non voteranno la fiducia al governo di servizio e Forza Italia, che pure sarebbe tentata, ha detto che al momento “non ci sono le condizioni“. “Non tradiremo gli alleati”, è il succo delle dichiarazioni della capogruppo azzurra Maria Stella Gelmini. Fonti vicine all’ex Cavaliere, contattate dal Fatto Quotidiano, raccontano di un leader su tutte le furie: il voto in estate è una delle opzioni da scongiurare, ma è difficile farlo senza spaccare la coalizione. E al momento Berlusconi sente di non avere alternative. Intanto i 5 stelle stanno a guardare: né Luigi Di Maioné i parlamentari M5s credono ormai alla serietà delle mosse in casa Lega e tutte le energie si stanno concentrando sulla prossima campagna elettorale. Il primo obiettivo sarà quello di rosicchiare i voti dal fronte Pd, facendo pressione sul fatto che il voto ai dem sarebbe un voto perso.

Ultimatum Lega a Fi: “Consenta governo politico con M5s”

In attesa che Mattarella faccia la sua selezione dei volti per l’esecutivo di servizio, il centrodestra si muove per trovare una soluzione all’impasse. La Lega ad esempio insiste sulla strada di una maggioranza politica trovata in extremis. “Continuiamo a chiedere a Silvio Berlusconi un gesto di responsabilità per far nascere l’esecutivo”, ha dichiarato Giancarlo Giorgetti, capogruppo del Carroccio alla Camera e braccio destro di Salvini. Che ha anche detto: “Se FI vota il premier tecnico, l’alleanza di centrodestra finisce”. Poco prima anche il collega al Senato Gianmarco Centinaio aveva dichiarato: “A Di Maio e Berlusconichiediamo: fate un passo laterale, andiamo da Mattarella tutti insieme e troviamo una soluzione politica”. Ma a prescindere dall’esito di una proposta che appare destinata a fallire, i tentativi di trovare un nuovo accordo, sono la prova che qualche dubbio comincia ad affiorare sulle elezioni in piena estate. Dubbi che il presidente Mattarella aveva già espresso anticipando la mossa di un “governo di servizio” per sbloccare l’impasse delle forze politiche le cui trattative si sono protratte per due mesi infilando solo fallimenti. La prima data utile, nel caso davvero si arrivasse alla sfiducia, è il 22 luglio. E pure sul fronte di chi chiede il ritorno alle urne, rimangono le perplessità sull’opportunità di andare a votare in piena estate: “Ammetto anche io che è una data abbastanza rischiosa”, ha commentato il leghista Centinaio. E dall’altra parte Luigi Di Maio, intervistato a Non Stop News su Rtl 102.5, ha ammesso “un rischio astensione” se si votasse il 22 luglio “e l’astensione è un dramma”. Ma la responsabilità è di Salvini e almeno, ha commentato, se si vota “sarà un ballottaggio tra noi e la Lega, tra il cambiamento e un finto cambiamento“. Ma i contatti non sembrano conclusi. Di Maio ha anche definito il rapporto con Salvini “complicato” nonostante avesse “enormi potenzialità” ma, “se non è libero non porta da nessuna parte. Se non toglie i voti dal freezer…”

Dal fronte Forza Italia la situazione rimane molto confusa. Se la prima reazione ieri sera era stata di attesa e valutazione, oggi Silvio Berlusconi ha mandato avanti la capogruppo a dire che non tradiranno gli alleati. “Crediamo”, ha dichiarato la Gelmini, “che non ci siano le condizioni per votare un governo neutrale. La posizione di Forza Italia è molto semplice. Noi abbiamo ascoltato con rispetto e grande attenzione le parole del Presidente della Repubblica che riteniamo piene di buon senso e che hanno a cuore l’interesse del Paese. Detto questo abbiamo rispetto per il voto degli italiani e siamo coerenti con il centrodestra unito. Da quando è sceso in campo, il presidente Berlusconi si è sempre battuto per l’unità del centrodestra, quindi per un principio di lealtà non saremo noi certamente a distinguerci rispetto al resto della coalizione, quindi crediamo che non ci siano le condizioni per votare un governo neutrale. FI è pronta in ogni momento alle elezioni, ci limitiamo ad osservare che il voto a luglio non sarebbe adatto ma certamente la scelta della data compete a Mattarella e sarà lui a comunicarla alle forze politiche e agli italiani”.

Di sicuro il M5s, stando così le cose, resta sul no al governo “di servizio” e chiede il ritorno alle urne immediato. Ieri nell’assemblea congiunta con i parlamentari si è parlato della nuova campagna elettorale con gli occhi puntati all’elettorato Pd deluso. Di Maio intanto oggi ha continuato ad attaccare l’ipotesi di un esecutivo tecnico, che di fatto “significherebbe portare al governo persone che non hanno una connessione con la popolazione e rischierebbero solo di far quadrare i conti con un effetto simile a quello del governo Monti“. La colpa del ritorno al voto, ha detto anche oggi Di Maio, è di Matteo Salvini: “Volevo capire se Salvini c’era o ci faceva e per 55 giorni ho provato a proporgli un governo assieme. L’unica cosa che gli ho chiesto è staccati da Berlusconima lui ha preferito Berlusconi a tutto questo. Ne risponderà alla storia e agli italiani soprattutto alle prossime elezioni perché se si sta andando al voto è perché lui ha scelto la restaurazione alla rivoluzione”. La Lega, ha aggiunto il leader grillino, “è una forza con enormi potenzialità ma se non è libera non può fare nulla per questo Paese. Sarà interessante vedere questo signore in campagna a dire ‘io voglio cambiare questo Paese’ con Berlusconi”. Il leader dei Cinquestelle ha quindi rivendicato il fatto che lui e i suoi sono stati gli “unici ad aver provato a fare un governo, siamo stati lineari di fronte al Colle e al popolo italiano. Non siamo stati eletti per entrare in parlamento e starcene lì a bivaccare, la grande sfida era passare dalle parole ai fatti”.

Ma anche il capo del M5s si è detto “consapevole che c’è un rischio astenionismo” con elezioni fissate al 22 luglio e “l’astensionismo è un dramma”. “Sarà un ballottaggio“, ha assicurato in ogni caso. Pd e Forza Italia “andranno sempre più verso un decremento dei voti e ciò permetterà una polarizzazione, ovvero: agli italiani di scegliere tra un cambiamento e un finto cambiamento”. “Noi non volevamo arrivare a questo, capiamo che il voto a luglio non ha precedenti”, ha aggiunto il leader del M5S che, a chi gli chiede se aggiungerà nuove priorità ai punti del programma elettorale, ha risposto: “Vogliamo aggiungere un risultato, l’abolizione dei vitalizi alla Camera. Se lo facciamo credo che avremo segnato un primo punto”. E se non ci sarà una maggioranza nemmeno il 23 luglio, com’è molto probabile? “Se Salvini si ripresenterà in coalizione con Berlusconi saremo punto e daccapo. Queste coalizioni non nascono per un’ideale ma per fini elettorali”.

PRIMA DI CONTINUARE

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Commenti Facebook

Rispondi

Studio Govinda

Naturopatia, Massaggi, Yoga

Visita adesso

Close